Ridurre l’infiammazione al cervello con la dieta chetogenica

0
(0)
infiammazione al cervello

In molti casi l’infiammazione al cervello (o encefalite) viene confusa con una semplice influenza e per questo non viene nemmeno diagnosticata. Anche se chiunque può sviluppare un’infiammazione al cervello, alcune persone sono più a rischio. In particolare, la probabilità di avere a che fare con un’encefalite aumenta negli anziani ed è maggiore in chi ha un sistema immunitario debole.

La forma associata all’Herpes simplex è invece più comune tra i 20 e i 40 anni. Nella maggior parte dei casi le infezioni lievi vengono sconfitte in poche settimane e senza lasciare conseguenze. Nei casi più gravi, invece, si può avere una rapida degenerazione della salute che può risultare in un arresto respiratorio, nel coma e, infine, portare al decesso.

Quali sono i sintomi dell’encefalite?

Fra i possibili sintomi di un infiammazione cerebrale sono inclusi mal di testa, febbre, dolori muscolari e articolari, fatica e debolezza. In casi più gravi si può avere a che fare con stati di confusione e di agitazione, cambiamenti di personalità, attacchi epilettici, perdita di sensibilità o paralisi di alcune parti del corpo, debolezza muscolare, allucinazione, vista sdoppiata, percezione di odori disgustosi, difficoltà a parlare o d’udito, nausea e vomito, rigidità, pianto inconsolabile, difficoltà ad alimentarsi.

Come ridurre l’infiammazione al cervello

La dieta chetogenica è povera in carboidrati e ricca di grassi. Una nuova ricerca scopre e replica il meccanismo con cui una dieta ketogenica riduce l’infiammazione del cervello. Oltre ai suoi benefici legati alla perdita di peso, gli studi recenti hanno messo in evidenza molti altri vantaggi. Ad esempio, la notizia medica recentemente ha ricoperto ricerche che suggeriscono che la dieta può aumentare la longevità e migliorare la memoria nella vecchiaia.

dieta keto riduce infiammazione cerebrale

Altri studi hanno notato i benefici neurologici della dieta. La dieta keto viene usata per trattare l’epilessia, e alcuni hanno suggerito che possa risultare utile nelle malattie di Alzheimer e di Parkinson. Tuttavia, il meccanismo attraverso il quale una dieta keto può trarre beneficio dal cervello in queste malattie è un mistero. La nuova ricerca – guidata dal dottor R. Swanson, professore di neurologia all’Università della California, San Francisco – suggerisce che ciò possa farlo riducendo l’infiammazione del cervello.

Nel nuovo studio, il dottor Swanson e la squadra mostrano il processo molecolare con cui la dieta keto riduce l’infiammazione del cervello. I ricercatori identificano anche una proteina chiave che, se bloccata, potrebbe creare gli effetti di una dieta keto. Ciò significa che un farmaco potrebbe essere progettato per ridurre l’infiammazione nei pazienti che non possono seguire una dieta keto a causa di altri motivi di salute. I risultati sono stati pubblicati nella rivista Nature Communications.

Quanto ti è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto 0 / 5. Conto voti: 0

Nessun voto. Vota per primo!

Visto che hai trovato utile il post ...

Seguici sui social!

Ci dispiace che non hai trovato utile il post

Dammi un parere

Come posso migliorarlo?

Prodotti consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy